Concorso Magistratura, Dike giuridica

Concorso Magistratura 2024: diario delle prove scritte (24, 25 e 26 gennaio 2024)

Traccia di diritto civile concorso Magistratura 2023

Pubblicato il diario con tutte le date delle prove scritte del Concorso magistratura 2024 a 400 posti di magistrato ordinario (Avviso del 5 dicembre – Decreto 4 dicembre 2023 – Concorso, per esami, a 400 posti di magistrato ordinario – Diario prove scritte il Concorso magistratura 2024).

I candidati dovranno presentarsi in Roma, alla Fiera di Roma, Via Portuense, n. 1645- 1647, per l’espletamento delle procedure identificative preliminari (identificazione personale e ritiro della tessera di riconoscimento) e per la consegna dei codici e dei testi di legge di cui è ammessa la consultazione, nei giorni 22 e 23 gennaio 2024 (sono previsti orari differenti di consegna in base ai cognomi dei candidati).

Per l’ammissione dei codici, dei testi di legge e dei dizionari ci sarà la consueta preventiva verifica da parte della Commissione, come da avviso che sarà dato sul sito del Ministero della Giustizia.

Sulla copertina esterna e sulla prima pagina interna dei codici e dei testi di legge il candidato dovrà indicare, in stampatello, cognome, nome e data di nascita.

In sede di verifica saranno esclusi tutti i testi non ammessi, in particolare quelli contenenti note, commenti, annotazioni anche a mano, raffronti o richiami dottrinali e giurisprudenziali di qualsiasi genere, sottolineature di qualsiasi genere, e fotocopie.

I candidati che non parteciperanno alle operazioni di identificazione e controllo codici e testi di legge, potranno sostenere le prove, presentandosi il primo giorno delle prove scritte, ma non potranno però introdurre alcun materiale di consultazione (codici, testi di legge e dizionari).

Le prove scritte del concorso si terranno alla Fiera di Roma nei giorni 24, 25 e 26 gennaio 2024 con ingresso nelle sale di esame dalle ore 7:30 (ingresso consentito fino alle ore 10:00, subito dopo saranno chiusi i cancelli di accesso).

I candidati avranno a disposizione, per lo svolgimento del tema, otto ore dalla dettatura della traccia.

Come sempre, i candidati non potranno introdurre nell’aula d’esame carta per scrivere, appunti, manoscritti, libri o pubblicazioni di qualunque genere non autorizzati, telefoni cellulari, orologi smartwatch, auricolari, agende elettroniche e qualsiasi strumento idoneo alla memorizzazione di informazioni o alla trasmissione di dati.

Non sarà consentito introdurre borse di alcun tipo o dimensione. Alimenti e bevande (da consumare durante le prove) potranno essere contenuti solo in appositi sacchetti trasparenti.

Prevista, come sempre, la schermatura delle aule. I concorrenti potranno essere sottoposti in qualsiasi momento a controlli (potranno essere sottoposti a perquisizione personale prima del loro ingresso nella sala d’esami e durante gli esami).

Nei giorni delle prove scritte, il candidato potrà consegnare la busta contenente l’elaborato alla Commissione esaminatrice ovvero ritirarsi dalla procedura concorsuale, secondo le indicazioni che saranno date prima della prova stessa.

In caso di ritiro, il candidato dovrà restituire al personale addetto tutto ciò che gli è stato consegnato al momento dell’ingresso in aula (busta grande, busta piccola con cartoncino identificativo, tessera di riconoscimento e fogli protocollo), porterà invece con sé tutti i codici ed i testi di legge depositati il giorno dell’identificazione.

Durante le prove scritte non è permesso ai concorrenti comunicare tra loro verbalmente o per iscritto.

Il concorrente che contravviene alle prescrizioni e a qualsiasi norma stabilita per la disciplina degli esami o che, comunque, abbia copiato in tutto o in parte lo svolgimento del tema, sarà allontanato dall’aula ed escluso dal concorso.

A differenza di quanto comunicato in sede di pubblicazione del bando, quindi, le prove si svolgeranno in modo tradizionale senza utilizzo di supporti digitali.

Coloro che parteciperanno al Concorso Magistratura 2024 devono considerare l’utilizzo di risorse idonee per svolgere al meglio le prove. Sotto questo aspetto, è importante affidarsi a case editrici che hanno maturato esperienza sul campo e che da diversi anni sono al fianco degli aspiranti magistrati. Tra le case editrici con più esperienza in questo settore c’è sicuramente la Dike Giuridica che offre tutto il supporto didattico necessario.

I libri e i codici per il Concorso Magistratura 2024